T: (765) 825-3122

EVOLUZIONE DEL TAPPO DEL SERBATOIO 

Pochi autisti prestano attenzione ad un dispositivo presente nei loro veicoli che viene usato moltissimo:  il tappo del serbatoio. Per la maggior parte dei guidatori si tratta di un semplice tappo che deve essere rimosso per consentire il riempimento del serbatoio. Ma I tappi per carburante sono molto di più: i prodotti attuali devono soddisfare una serie di requisiti e prestazioni complesse  molto più sofisticate di quanto si sarebbe potuto immaginare solo pochi anni fa.

Questa guida fornisce una breve retrospettiva sulla storia di questo prodotto e gli sviluppi chiave che hanno portato agli attuali tappi per il carburante. 

SVILUPPI STORICI

Dall'inizio della produzione automobilistica fino al 1970,  I tappi erano generalmente considerati solo dispositivi per proteggere il serbatoio dalla pioggia e da altri agenti 

contaminanti. Nella maggior parte dei casi, si trattava di semplici  tappi metallici, sebbene alcuni fossero progettati con fori di ventilazione per equilibrare la 

pressione tra l'ambiente esterno e l'interno del serbatoio durante il rifornimento. 

A partire dal primi anni '70 due obiettivi principali hanno guidato l'evoluzione del design dei tappi per carburante: la sicurezza e le tematiche ambientali. L'attenzione sulla 

sicurezza era centrata in particolare sul rischio di fuoriuscita del carburante dal 

serbatoio, per ridurre il pericolo di incendio. Le preoccupazioni ambientali vertevano 

soprattutto sul crescente problema della contaminazione da gas di scarico, che può  contribuire all'aumento del livello di ozono al suolo.

Punti chiave:

Nei primi anni '70, Stant ha risposto al problema delle perdite causate dal posizionamento dei tubi di erogazione del carburante sui parafanghi e sulla parte posteriore dell'auto con la realizzazione di nuovi tappi. Nello stesso periodo, la massima attenzione è stata focalizzata sulla prevenzione della perdita di carburante in caso di situazioni di impatto e ribaltamento, proteggendo gli occupanti del veicolo da possibili ustioni o morte. Nel corso dei seguenti due decenni, il design del tappo del carburante ha continuato a progredire e sono stati sviluppati prodotti che mantengono completamente la tenuta, anche in caso la corona venga completamente asportata.

Presso lo Stant Technology Center si è svolta una sperimentazione continua del  design dei tappi per il carburante, utilizzando una serie di metodi di prova, tra cui il pendolo e il lancio della biglia di metallo per simulare situazioni di impatto.

Nel 1971, l'attenzione si è concentrata sul problema presentato dalla fuga di gas di idrocarburi e sono state emanate le prime direttive federali in materia di perdita per evaporazione del combustibile.

Stant risponde a queste nuove esigenze con prodotti dotati della tecnologia avanzata delle valvole incorporate di pressione / vuoto.Verso la metà degli anni '90, le restrizioni riguardanti la perdita per evaporazione dei gas erano 50 volte più rigide di quanto non fossero nel 1971.

Sono stati sviluppati da Stant una nuova tecnologia e nuovi prodotti per rispondere ai nuovi requisiti, tra cui:

  • Un collegamento più efficiente col bocchettone del tubo di erogazione.
  • Tappi più facili da chiudere correttamente.
  • Nuovi sistemi di ventilazione più accurati.
  • Materiali migliorati che resistono alla corrosione derivante  dai combustibili più aggressivi, contenenti etere, alcool e altri componenti.
  • Stant ha anche sviluppato il tappo di prevenzione, che consente alla pressione accumulata nel serbatoio nei giorni più caldi di essere rilasciata gradualmente quando il coperchio viene aperto. Questo impedisce al carburante in ebollizione di schizzare sull'automobilista all'apertura. Diagnostica a bordo (OBD)

Dal momento che le case automobilistiche sono sempre più sotto pressione per la riduzione delle emissioni dei motori, si sono compiuti progressi significativi nella 

capacità della tecnologia integrata ai veicoli, per monitorare il corretto funzionamento del motori e di altri sistemi correlati. Questi processori di informazioni, denominati 

“diagnostica a bordo” (OBD) sono dispositivi di prima generazione, in grado di rilevare le situazioni al di fuori dei parametri di progettazione, con conseguenti livelli di emissione superiori a quelli consentiti.

Una nuova generazione di computer, chiamata OBD II, controlla periodicamente l'intero sistema di alimentazione quando il veicolo è in funzione, per assicurare la rilevazione di eventuali  perdite di gas di carburante. Questo risulta molto importante, in quanto un danneggiamento o una progettazione errata possono comportare la perdita fino a un massimo di 30 litri di benzina all'anno. Anche un tappo installato in modo errato può causare l'intervento del sistema OBD II, che attiva  una spia di controllo sul quadro degli strumenti, notificando al conducente che il veicolo necessita di assistenza.

Punti chiave:

  • Nel 1988 lo stato della California impone l'obbligo dei sistemi OBD per monitorare il controllo delle emissioni.
  • Nel 1990 l'emendamento chiamato Clean Air Act  richiede una nuova generazione di sistemi OBD, il sistema OBD II.
  • Il Sistema OBD II testa il sistema di alimentazione del veicolo, mettendo  in pressione il sistema  o  creando il vuoto e misurando anche lievi modifiche che potrebbero indicare una perdita e un'emissione di gas di carburante.
  • I tappi sono tra i componenti più critici del sistema di alimentazione e, se non correttamente progettati, calibrati e installati, possono causare un'attivazione  del sistema OBD II, che visualizza un messaggio di avviso per l'automobilista.
  • Stant ha brevettato tappi di alta qualità con valvole dotate di molle finemente calibrate, che consentono l'apertura e la chiusura  con grande precisione,  soddisfando i requisiti OBD II.
  • Il tappo "Quick-On" o 1 / 8 aiuta l'utente nell'installazione corretta, evitando errori di lettura e verificando il funzionamento attraverso le spie durante il controllo del sistema OBD II.

Le specifiche sono così severe che i tappi del serbatoio di ricambio rischiano spesso di non riuscire a soddisfare lo standard OBD II, anche qualora appaiano identici.

I / M 240

Un'altra iniziativa chiave riguardante le emissioni è stata quella di testare i veicoli per monitorare i loro livelli di emissioni di gas di scarico. Nel caso  in cui I livelli di emissione siano oltre il limite consentito, I veicoli devono essere controllati e ritestati nuovamente.

Nelle zone dove i livelli di ozono troposferico sono al di sopra dei livelli consentiti, le prove di emissione potrebbe non essere sufficienti ad abbassare i livelli e raggiungere i requisiti richiesti. In queste zone, è stato introdotto un nuovo test più severo, chiamato I / M 240, che richiede non solo la prova dei gas di scarico, ma anche il test delle perdite del sistema di alimentazione. Poichè dai tappi usurati o danneggiati possono derivare  probabili fonti di emissioni di gas, il test I / M 240 include la prova della pressione per testare l'integrità della tenuta del tappo del serbatoio.

Stant offre tre dispositivi di test per le perdite di  gas che consentono un veloce e accurato collaudo dei tappi, in grado di soddisfare i requisiti I / M 240.

Punti chiave:

I tester dei tappi del carburante  Stant confrontano elettronicamente il livello di integrità di pressione del tappo  con uno standard pre-impostato. Se soddisfa o supera lo standard, il test è superato. In caso contrario, il tappo deve essere sostituito e il veicolo analizzato nuovamente.

I tappi del carburante, in particolare quelli provenienti da fornitori che si occupano solo del mercato dei ricambi non originali, possono sembrare identici, ma non soddisfano necessariamente I requisiti  I / M 240. Questo porta il veicolo a fallire il test, in alcuni casi anche quando il tappo sia stato acquistato come sostituzione di un tappo originale non conforme.